L’Elena Egizia di Hofmannsthal alla Scala


― 18 Novembre 2019

È in scena al Teatro alla Scala di Milano, dal 6 novembre, con la direzione di Franz Welser-Möst e la regia di Sven-Eric Bechtolf, Die ägyptische Helena, la meno nota delle collaborazioni tra Hugo Von Hofmannsthal e Richard Strauss.

L’opera, che debuttò a Dresda nel 1928 e fu rivista da Strauss dopo la morte di Hofmannsthal, ha una trama molto complessa, influenzata da Omero e, soprattutto, nonostante le resistenze dello scrittore, dall’Elena di Euripide, di cui Hofmannsthal riprende l’idea del doppio della sua protagonista . Di ritorno da Troia, Menelao intende uccidere la moglie; la maga Etra, però, impedisce il delitto e fa naufragare la nave su cui viaggiano gli sposi su un’isola vicino all’Egitto, dove il malinconico sovrano spartano beve una pozione che gli fa credere che non sia stata Elena ad andare a Troia con Paride, ma un fantasma. La sua vera moglie, nel frattempo, non avrebbe fatto altro che dormire. Tra visioni, sogni, elfi, filtri magici e principi del deserto (Altair e il figlio, Da-ud) innamorati, naturalmente, di Elena, l’opera si conclude con la riconquista della memoria da parte di Menelao e la riconciliazione dei due sposi. Un libretto, quindi, che, come era già avvenuto con Elektra (1903) e Die Frau ohne Schatten (1919), intreccia il mito al mondo moderno, facendo emergere echi e inquietudini che le esplorazioni dell’inconscio e la psicoanalisi avevano instillato nella cultura viennese e europea nei primi decenni del secolo scorso.

Nel cast, Ricarda Merbeth, già trionfatrice nella recente ripresa di Elektra, nei panni di Elena, insieme all’Heldentenor Andreas Schager (Menelao), Eva Mei (Aithra) e Thomas Hampson (Altair).


È il sublime che predispone alla grandezza del pensiero

È il sublime che predispone alla grandezza del pensiero

― 11 Ottobre 2021

«Così tra questa immensità s’annega il pensier mio: e il naufragar m’è dolce in questo mare».

Leggi tutto
Tradurre Sul Sublime. Note al margine di un’avventura intellettuale

Tradurre Sul Sublime. Note al margine di un’avventura intellettuale

― 17 Settembre 2021

L’idea di proporre una nuova traduzione del trattato Peri hypsos, Sul Sublime, implica confrontarsi con una serie di domande che hanno tormentato tutti coloro che si sono avvicinati a questo testo e che non necessariamente sono destinate a ricevere una risposta univoca e definitiva: chi era l'autore del trattato? A quale ambiente era destinato?

Leggi tutto
Sul sublime

Sul sublime

― 11 Settembre 2021

Massimo Fusillo ci parla del Sublime, ultima uscita della Fondazione

Leggi tutto